Selfie: una moda, tante declinazioni

Selfie: una moda, tante declinazioni

SHARE
, / 10828 4

Chi bazzica, anche solo per hobby, il mondo dei social media si sarà sicuramente imbattuto spesso nel fenomeno selfie. O, per dirla all’italiana, nel fenomeno autoscatto.

In questi ultimi mesi, il binomio tecnologia/social network ha dato forte impulso a questa moda un po’ narcisista. Basta disporre di uno smartphone o di una webcam e il gioco è fatto: parte l’autoscatto e lo si condivide in rete. Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest e chi più ne ha, più ne metta: i selfie hanno invaso la rete e sono entrati con forza nella nostra vita di tutti i giorni. Al punto tale che i linguisti dell‘Oxford Dictionary hanno eletto “selfie” come la parola del 2013, prendendo atto di un aumento dell’uso del termine pari al 17.000% nel corso dello scorso anno.

Yay...another selfie. I hope those 10 'likes' give you the confidence you need to get through your day.

Come tutte le mode, quella del selfie conosce tante declinazioni e tante varianti al tema. Sui social media ci sono selfie di tutti i tipi. Ci sono quelli vacanzieri (quanti autoscatti sono stati fatti a gambe abbronzate stese sulla sabbia?), quelli con amici, familiari o colleghi (avete sentito parlare, in questi giorni, di Usie?), quelli sexy o addirittura hard, quelli del mattino appena svegli e quelli della buona notte.

Ci sono, poi, alcune declinazioni così peculiari da meritare una riflessione a parte…

Selfie col morto

Una studentessa della Clements High School in Alabama pubblica su Instagram un autoscatto che la immortala accanto ad un cadavere. Un ricordo perfetto della gita scolastica, no? Instagram rimuove lo scatto nel giro di poche ore, la scuola si indigna, partono i provvedimenti disciplinari. Ma una domanda resta: la mania di mostrarsi, nell’era della condivisione, sta spazzando via il limite del buon senso e del buon gusto?

Una variante al tema del selfie col morto può essere il selfie al funerale. Non così folle come il primo, ma comunque di dubbio gusto e decisamente fuori luogo. Grande caduta di stile per Barack Obama, David Cameron ed Helle Thorning-Schmidt, che decidono di darsi alla moda selfie durante il memorial di Mandela.

Obama e il selfie al funerale di Mandela

Selfie papali

Nemmeno Papa Francesco si sottrae alla moda del selfie e asseconda un gruppo di adolescenti in visita al Vaticano, posando insieme a loro in un autoscatto di gruppo. Dopo essere approdato su Twitter col suo account ufficiale, dopo essersi prestato a un selfie, quale altra frontiera social varcherà Sua Santità nei prossimi giorni?

Il selfie di Papa Francesco insieme a un gruppo di adolescenti

Selfie a regola d’arte

Quella dell’autoscatto è una moda che i social media hanno consacrato sull’altare della celebrità, ma non è di certo una novità nella storia della fotografia. Secondo l’onniscente Wikipedia,

il primo autoritratto risale ai primi del ‘900, quando la tredicenne granduchessa russa Anastasia Nikolaevna prese la sua nuova e fiammante Kodak Brownie e posizionandosi davanti allo specchio con un amico scattò. Nella lettera che accompagnava la fotografia, ha scritto: “Ho scattato questa foto di me stessa guardando allo specchio. Era molto difficile perché le mie mani tremavano“.

Numerosissimi sono gli autoritratti fotografici che hanno costellato la storia della camera oscura . Certo, in quei casi si tratta di scatti d’autore, ben più autorevoli di un selfie scattato sulla spiaggia da un bagnante a caso. Ma c’è chi sostiene che anche in questi moderni autoscatti amatoriali si celi un principio di arte: nel 2013 il MoMa di New York ha allestito la mostra Art in Translation: Selfie, The 20/20 Experience, durante la quale i visitatori potevano scattarsi una foto con una macchina digitale, posando davanti a uno specchio.

Art in Translation: Selfie, The 20/20 Experience

Selfie bugiardi

Verità o finzione? Quanto siamo disposti a mentire pur di strappare qualche like in più con l’ultima foto pubblicata su Facebook? La domanda è legittima, in una società sempre più digitale che ha ridefinito il concetto di condivisione, di pubblico e privato, di apprezzamento e integrazione sociale. Quante bugie si nascondono dietro i selfie patinati che popolano la rete? E’ la domanda che si sono posti  i videomaker di ScumPalace, autori del divertente video Facebook Facade.

Celebrity Selfie

Il fenomeno del selfie non sarebbe mai diventato quello che è oggi se non avesse avuto dei testimonial di eccezione: star, celebrità e personaggi famosi che hanno condiviso in rete i loro autoscatti. Il mondo della politica, del cinema, della moda, della musica, dello sport è ricco di volti noti che si sono lasciati sedurre dalla moda del momento. Uno di loro non si è accontentato di postare in rete i suoi selfie. Ha voluto creare un nuovo social media interamente basato sulla condivisione degli autoscatti. Stiamo parlando di Justin Bieber e del suo Shots of me, che si prepara ad essere il tempio sacro di tutti i selfie-addicted.

Justin Bieber selfie

4 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

PASSWORD RESET

LOG IN



nike sneakers e scarpe sportive online Nuovi Jordans Outlet Online Nike Air Max Outlet Online Nike Free Outlet Online