Giancarlo Magalli: da web idol a Presidente della Repubblica?

Giancarlo Magalli: da web idol a Presidente della Repubblica?

SHARE
, / 1428 0

Domenica 25 gennaio si sono tenute le chiacchieratissime elezioni in Grecia, che hanno visto vincitore Alexis Tsipras, leader della coalizione di sinistra nota con l’acronimo Syriza. Il giorno successivo, lunedì 26, tra i trending topic di Twitter ci sono gli hashtag #Grecia2015, #Tsipras, #Atene, #Grecia. Anche noi italiani ci siamo lanciati in numerosi commenti social sulla storica vittoria della sinistra radicale greca, scendendo in quella che è la piazza politica più affollata di sempre: il web.

Se una parte dei nostri pensieri va agli affari politici degli altri Paesi, una fetta importante della nostra attenzione è rivolta tutta agli avvenimenti nostrani. Sì, perché anche in Italia c’è fermento e c’è un gran parlare di politica, soprattutto a seguito delle dimissioni del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Chi sarà il suo successore? In TV, sui giornali, in Rete è nato il consueto tam tam fatto di commenti, analisi politiche, previsioni, scommesse, auspici e scongiuri. E nel bel mezzo di questo rumoroso tam tam, sbuca un nome inaspettato, che poco ha a che fare con la politica: Giancarlo Magalli.

Magalli Presidente

Nei giorni scorsi il Fatto quotidiano ha indetto un sondaggio, chiedendo ai propri lettori di eleggere virtualmente il prossimo Presidente della Repubblica italiana. Magalli si è inaspettatamente piazzato in cima alla classifica, guadagnandosi 17mila voti. Dopo di lui, con 6mila voti di distanza, Stefano Rodotà.

A ben pensarci poteva succedere. Da tempo infatti il noto conduttore televisivo è diventato, senza volerlo, una sorta di web idol. In Rete si rimbalzano da un social all’altro contenuti che lo vedono protagonista: meme, video, fotomontaggi, pagine e post a lui dedicate. Tutta questa popolarità tra i giovani e, in generale, tra gli internauti, non è certo sfuggita al diretto interessato, che in un’intervista pubblicata da VICE ha dichiarato:

Mi fa piacere che tanti ragazzi abbiano simpatia per me, facciano post dedicati a me… appunto, è un gioco. La cosa carina è che non sono mai offensivi—non ho mai visto nulla che mi abbia dato fastidio. […] Mi fa piacere che i ragazzi mi dedichino attenzione.

Magalli meme

Uno dei tanti meme che circolano per il web, di cui Magalli è protagonista

Eccome se i giovani gli dedicano attenzione! Giancarlo Magalli è così presente nei pensieri dei giovani che questi lo hanno voluto come loro ipotetico Presidente della Repubblica. Se chiedi al Web di esprimere una preferenza, devi effettivamente aspettarti che questa preferenza cada su un idolo del Web, per quanto improbabile possa sembrare e per quanto deboli siano i nessi situazionali. A nessuno, ovviamente, sfugge la provocazione che si cela dietro questa nomina. “Magalli Presidente” è un grido di dissenso, una dimostrazione del malcontento sempre più diffuso nei confronti dei soliti nomi e delle solite dinamiche della politica italiana.  Lo sa bene Magalli stesso, che ospite del programma televisivo Agorà ha commentato il suo insolito trionfo.

E se doveste leggere sui giornali che Magalli non ci sta, che non se la sente di affrontare questo ruolo cui è stato eletto a furor popolare, non credeteci. Lo ha scritto lui stesso sul suo profilo Facebook:

Mi ha chiamato anche un giornalista de Il Fatto. Ha scherzosamente cercato di farmi dire due cose: la prima è che sarei pronto a ritirarmi dal ballottaggio, poi che i miei voti se li potrebbe prendere Rodotà che a me è persona che non dispiace. Ecco, io ho detto di no ad entrambe le proposte, perché sarebbe stato prendere in giro le migliaia di persone che hanno sostenuto questa pazza idea, pur sapendo tutte perfettamente che si tratta solo di un gesto simbolico. Quindi, se domattina doveste leggere sui giornali che mi ritiro dal ballottaggio o che regalo i miei voti, non credeteci!

Giancarlo-Magalli

Insomma, Magalli inizia a sentirsi a suo agio in questa improbabile veste di neo-Presidente? Quel che è certo è che tantissime persone si sentirebbero più tranquille se fosse lui il prossimo Presidente, e non altri. Sì, lo so, questa storia è solo una provocazione, uno scherzo. Ma so anche che a volte il confine tra scherzo e verità è labile. E che nella politica italiana sono avvenute così tante assurdità sotto gli occhi di tutti che, quasi quasi, Magalli Presidente non sarebbe poi il peggio cui abbiamo assistito.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

PASSWORD RESET

LOG IN