La cultura pop ai tempi di “Ritorno al futuro”

La cultura pop ai tempi di “Ritorno al futuro”

SHARE
, / 1336 0

L’hanno annunciato in pompa magna con eventi Facebook, meme, spot su radio e tv: questa settimana si festeggiano i 30 anni della saga più nerd e anni ’80 che ci sia, Ritorno al Futuro, e per l’occasione una parte della trilogia torna al cinema per una festosa visione collettiva.

Nel secondo film della serie Doc e Marty McFly viaggiavano proprio verso il 2015 per rimediare alle bizzarrie della linea temporale che si era alterata.

roads

E in questo 2015 ipotizzato da Zemeckis, regista e autore della sceneggiatura, saremmo stati vestiti un po’ da scemi, con gli hoverboard e la pepsi perfect, bottiglie che la stessa Pepsi ha riproposto in questi giorni, approfittando dell’anniversario e dell’ondata di festeggiamenti.

BackToTheFuture2

Ma perché Ritorno al futuro è diventato così importante nell’immaginario collettivo? E che gusto c’è a sentirsi parte di questa follia collettiva sul web e nei cinema?

Con Marty McFly e Doc si va sul sicuro: questo era un buon film nel 1985 e lo è ancora adesso nella sua ingenuità. Ai più, infatti, non sfuggono le inesattezze diventate ormai storiche: vi ricordate “Gigowatt” pronunciato dalla indimenticabile voce di Ferruccio Amendola? Ritorno al futuro è la combinazione perfetta tra avventura, comicità e lifestyle anni ’80, quello che tutti i ragazzini avrebbero voluto avere per sé. Chi non avrebbe desiderato un amico/fidanzato come Michael J Fox o un professore/compagno di avventure come il Doc Emmett Brown?

Ma come è questo 2015 rispetto a quello immaginato nel 1985? Manca solo il web probabilmente, ma c’erano già le video telefonate e le animazioni 3D.

Shark-3D You_chicken

Ritorno al futuro ha raccolto intorno a sé una varietà infinita di fanatici e appassionati sinceri, scanzonati e cialtroni come lo spirito del film, raccontando una generazione e il suo immaginario. Questa è vera e propria pop culture, uno sguardo su quello che siamo stati 30 anni fa: svegli e alla moda come Marty, folli e sapientoni come Doc.

Il web diventa, allora, il terreno ideale per riunire le generazioni che con questo film sono nate e cresciute, contribuendo a costruire un ricordo e una celebrazione sincera di quegli anni e di come Ritorno al futuro abbia segnato l’immaginario dei nati negli anni ’80.

Buon anniversario a voi, Marty e Doc, che siete invecchiati con dolcezza e lucidità. Brindiamo insieme alla faccia delle persone troppo serie, di chi non crede che anche anche un film decisamente improbabile eppure così credibile come questo sia parte della cultura della nostra generazione.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

PASSWORD RESET

LOG IN